Avviso: BBM Food Trucks sarà chiuso per ferie dal 10 al 16 Agosto compresi. Ci vediamo il 17 Agosto.

GUIDA PER LO STREETFOODER: 3 step per avviare la tua attività di Street Food.

Il tuo sogno è aprire un’attività di Street Food, ma non sai da dove iniziare?

Leggi questa guida per sviluppare il tuo progetto con metodo seguendo le norme!

La vendita dello street food è disciplinata dalle norme sul “commercio al dettaglio su area pubblica” esplicitate nel Decreto Legislativo n. 114 del 31 Marzo 1998 (artt. 27-30), al quale si aggiungono le legislazioni regionali. Per aree pubbliche si intendono le strade, i canali, le piazze, comprese quelle di proprietà privata sulle quali avviene passaggio pubblico e ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico.

La legislazione prevede i seguenti 3 passi per avviare un’attività di vendita itinerante:

  1. AVERE I REQUISITI NECESSARI

Per svolgere un’attività di commercio ambulante “non alimentare” non occorrono requisiti specifici, mentre per lavorare nel settore alimentare bisogna possedere almeno uno di questi requisiti:

  • avere frequentato un corso professionale per la somministrazione di alimenti e bevande, che sia riconosciuto dalla Regione;
  • possedere un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea triennale e/o magistrale attinente all’attività svolta;
  • aver esercitato un’attività che prevede somministrazione di alimenti e bevande per almeno due anni, nel corso degli ultimi 5 anni, in qualità di dipendente, titolare o socio;
  • solo per le società, può essere sufficiente indicare una persona “preposta” in possesso di questi requisiti.
  1. AVVIARE LE PROCEDURE PER INIZIARE UN’ATTIVITÀ DI VENDITA

Dopo aver dimostrato di possedere i requisiti morali, soggettivi e professionali previsti dalle norme di settore, il Comune rilascia un’Autorizzazione amministrativa. Una volta ottenuta l’autorizzazione, bisogna aprire la Partita IVA, una posizione presso INPS e INAIL e procedere all’iscrizione alla Camera di Commercio. A seguito della Legge 40/2007 è stata introdotta la semplificazione per le procedure di avvio delle imprese: grazie alla Comunicazione Unica, è possibile racchiudere in un’unica pratica tutti gli adempimenti amministrativi previsti per l’iscrizione al Registro delle Imprese (INPS, INAIL, Agenzia delle Entrate, ecc.).

  1. OTTENERE UNA LICENZA, che può essere di due tipi:
  • Tipo A commercio ambulante con posteggio fisso: è concessa dalla Regione e dà diritto a un posteggio fisso per un preciso giorno di mercato o fiera. Ogni 6 mesi, sul BUR viene pubblicato un elenco con i posteggi liberi divisi comune per comune e chi è interessato può richiedere un posto entro 30 giorni dalla pubblicazione.
  • Tipo B commercio ambulante in forma itinerante: viene rilasciata dal Comune di residenza in forma gratuita, consente l’esercizio su tutto il territorio nazionale in forma itinerante, nei mercati e nelle fiere che mantengono posti liberi o non assegnati. Deve svolgersi con mezzi mobili e con soste limitate a 120 minuti.

Hai tutti i requisiti per dare il via al tuo business itinerante?

Allora non ti resta che organizzare la tua attività, stay tuned per la seconda parte della Guida per lo Streetfooder!

Lascia un commento:

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Site Footer